SPLIT PAYMENT. Pubblicati gli elenchi 2022 dei soggetti interessati.

Nell’interesse di tutti i soggetti che si troveranno, nella situazione di dover, emettere fatture nei confronti di:

  • Pubblica amministrazione,
  • società / Enti collegati alla Pubblica amministrazione,
  • società che ancorché non appartenenti alle due categorie precedenti, sono inserite nell’indice FTSE MIB della Borsa Italiana,

 

Vi comunichiamo che al fine di individuare, nel caso di  i soggetti  interessati nell’annualità 2022, all’applicazione del meccanismo di fatturazione denominato “Split payment“,  per le cessioni / prestazioni effettuate nei loro confronti sono facilmente individuabili nei due siti sotto riportati, divisi per tipologia di soggetto:

  1. PUBBLICA AMMINISTRAZIONE: sul sito denominato Indice dei domicili digitali della Pubblica Amministrazione e dei Gestori di Pubblici Servizi – Ricerca Servizio Fatturazione Elettronica  sono disponibili gli elenchi dei soggetti passivi della “Pubblica Amministrazione” in possesso del codice “iPA” ai quali va applicato il regime dello “Split payment“;
  2. ENTI E SOCIETA’ CONTROLLATI O PARTECIPATI DALLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE:  sono disponibili, sul sito internet del Dipartimento Finanze, gli elenchi dei soggetti passivi “società ed enti” divisi in 6 distinti elenchi:

ed in entrambe i siti é possibile fare una ricerca per “codice fiscale”. Si consiglia di fare la ricerca in “tutti” i campi “codice fiscale” presenti nella maschera di ricerca (Codice Fiscale SFE e Codice Fiscale Ente” e fare anche una ricerca per denominazione della “Pubblica Amministrazione” cliente.

Come già consigliato negli scorsi anni, qualora non abbiate, contezza certa, circa l’appartenenza del Vostro cliente, ad una delle tipologie:

  • Pubblica amministrazione,
  • società / Enti collegati alla Pubblica amministrazione,

Vi invitiamo a fare un semplice controllo, nei 6 elenchi sopra individuati, in modo da evitare di commettere errori di fatturazione.

NOTA 1: Vi invitiamo a fare particolare attenzione ai soggetti potenzialmente appartenenti all’elenco n.6 “Società quotate inserite nell’indice FTSE MIB della Borsa italiana” poiché in questo elenco sono annoverate società non appartenenti, in alcun modo alla Pubblica amministrazione.

NOTA 2: Vi ricordiamo che lo “Split payment” non è applicabile alle operazioni soggette a ritenuta alla fonte:

  • compensi di lavoro autonomo,
  • provvigioni.